Nonnastella.com
Accedi | Registrati
Il progetto Video ricette La community Aggiungi video Il blog  
  Home > Ricette > Riso patate e cozze

RISO PATATE E COZZE

Aggiungi ai tuoi preferiti   Segnala ad un amico    Stampa ricetta

Ingredienti
Per quattro persone:
200 g di riso
500 g di patate
200 g di zucchine
600 grammi di cozze fresche tarantine
1 ciuffo di basilico
1 ciuffo di prezzemolo
1 spicchio di aglio fresco
2 cipolle
70 g di pecorino grattugiato
200 g di pomodori rossi (o pomodori pelati)
olio extravergine d’oliva q.b.
sale e pepe q.b.


Descrizione
Riso patate e cozze è la regina delle minestre pugliesi che ha diverse varianti, a seconda dei paesi.
Qui viene descritta la madre, la “tiella barese”.

Lavate bene le cozze sotto l’acqua corrente più volte, usando una spazzola (o una retina in nylon), poi con l’aiuto di un coltellino apritele a crudo lasciando il mollusco in una delle due valve. Se non siete capaci di eseguire tale operazione, fatele aprire in un tegame coperto a fuoco vivace. Durante l’apertura delle cozze conservatene il liquido in una coppetta.
Pulite le zucchine e tagliatele a fette sottili. Lavate le patate, sbucciatele e tagliatele a fette molto sottili. Tritate prezzemolo e aglio. Pulite, private dei semi e spezzettate i pomodori.

Mettete sul fondo di una teglia larga un po’ di sale, la cipolla tagliata ad anelli, il primo strato di fettine di patate, il pecorino grattugiato, un po’ di basilico, un filo d’olio e poi mettetevi sopra metà dei pomodori spezzettati. Su tale strato di condimento sistemate una fila di zucchine e, su queste, le cozze col guscio in basso. Versate l’acqua delle cozze nella teglia filtrando le impurità utilizzando un colino nel quale è stato inserito un foglio di scottex. Sulle cozze spargete il riso crudo e condite ancora con un po’ di prezzemolo, aglio e un cucchiaio d’olio. Per ultimo mettete un secondo strato di zucchine, cipolla, basilico, pomodoro, sale e un ultimo strato di patate. Mettete sull’ultimo strato di patate,sistemate anche i pomodori, un po’ di basilico e un po’ di formaggio pecorino.

Aggiungete infine un po’ di pepe, un po’ d’acqua (riempiendo circa 1/3 della teglia) e un cucchiaio d’olio. Infornate la teglia a 250° per circa 40 minuti ricordandovi di aggiungere un foglio di carta stagnola sul tegame per non far bruciare la parte superiore e se ne occorre, aggiungete un po’ d’acqua durante la cottura.

Tale piatto non va mangiato troppo caldo.
Buon appetito!




Commenti
francilachef
ha scritto il  17/10/2011
Ciao! Ho provato la ricetta subito dopo averla vista ed è venuta buonissimissima! Mio marito mi ha fatto i comlimenti! La facevo un po' diversamente ed ero convinta che ci volesse più acqua, invece è riuscita benissimo! Grazie
Staff Nonnastella
ha scritto il  17/10/2011
Grazie a te per averci dato una tua opinione! Ci fà piacere che la ricetta sia riuscita bene!
antonio
ha scritto il  24/09/2011
Molto accurata la descrizione del piatto. Per quelli come me più giovani, con poco tempo e meno esperti, le cozze invece di pulirle ad una ad una, si possono comprare dalle pescherie che si trovano all'interno dei centri commerciali che hanno degli appositi macchinari (tipo centrifughe) per pulire le cozze. Inoltre se avete difficoltà ad aprirle col coltello, passatele qualche minuto sul fuoco o nell microonde. Si apriranno in un attimo e nessuno noterà la differenza tranne voi che avrete risparmiato un mare di tempo! La zucchina è facoltativa, io preferisco senza.
Staff Nonnastella
ha scritto il  17/10/2011
Grazie Antonio per gli utili consigli!



Staff Nonnastella


Difficoltà  ricetta: media
Tempo: 45'
Provenienza: Bari
Voti: 5
Visto: 8242
Pubblicata il 18/08/2011

TAG
Bari riso patate cozze zucchine pecorino
 
Altri video dell'utente
Video correlati
Ultimi arrivi
Contattaci | Condizioni | Privacy    Copyright © 2012 Nonnastella.com Tipici | Siti amici | Newsletter | Mappa del sito
 
logo ministero della regione puglia      logo dei principi attivi
Vincitore del concorso Principi Attivi - Giovani Idee per una Puglia Migliore


Licenza Creative Commons
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.